Le parti del computer in lombardo

partipcIn questa lezione parleremo di informatica, più precisamente delle parti di un PC. Ovviamente resteremo sul vago, sul visibile, senza addentrarci nel tecnico. Ci interessa solo ciò che può pronunciare l’utente comune.

A nostro parere Computer e Monitor possono restare come in inglese, per via della diffusione internazionale di tali termini. Esiste come termine colloquiale per definire un calcolatore “ragionatt”, ossia “ragioniere”, lo segnaliamo perché è in analogia con la parola originale inglese, visto che anni addietro il “computer” era una persona.Per la tastiera possiamo usare lo stesso lemma usato per definire le tastiere delle macchine da scrivere, ossia “tastadura”, mentre per il mouse troviamo molto interessante il termine piemontese “Ratin”, nato all’Olivetti e perfettamente adattabile alla nostra lingua. In questo noi lombardi siamo fortunati, avendo vicino una lingua con un ricco lessico tecnico grazie ai vicini eporediesi che ci permette di mutuare molti termini tecnici da loro. In fin dei conti molte innovazioni dell’elettronica Olivetti sono nate in Lombardia, dunque è semplicemente prendere qualcosa in cambio…

Per le memorie esterne troviamo ottimale il termine “ciavetta” (in qualche dialetto “clavetta”), simile all’italiano.

DIZIONARIO IN BREVE:
Computer: Computer
Ciavetta: Chiavetta USB
Monitor: Schermo, Monitor
Tastadura: Tastiera
Ratinn: Mouse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *